Mercoledì, 19 Giugno 2013 02:00

I Google Glass preoccupano i Garanti della privacy

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

I Garanti della privacy del mondo hanno chiesto chiarimenti a Larry Page sui Google Glass. Anche il presidente dell’authority italiana, Antonello Soro, ha co-firmato la lettera del GPEN (Global Privacy Enforcement Network).“Quali informazioni raccoglie Google attraverso i Glass, i famosi occhiali a realtà aumentata? Con chi le condivide? Come intende utilizzarle?”, si legge nella nota.

“Come viene  garantito il rispetto delle legislazioni sulla privacy? Come pensa Google di risolvere il problematico aspetto della raccolta di informazioni di persone che, a loro insaputa, vengono riprese e registrate tramite i Glass?”

 il potenziale di questo nuovo dispositivo desta molte preoccupazioni. D’altronde elabora dati personali che vengono raccolti tramite microcamera, microfono ed un dispositivo GPS con accesso ad Internet. Senza contare i “forti timori sul possibile futuro uso di sistemi di riconoscimento facciale”.

Google di fatto è stata invitata a un confronto con gli enti di garanzia. L’obiettivo è quello di valutare le implicazioni sulla privacy legate a questo prodotto e le misure che intende prendere l’azienda per consentire “il rispetto della vita privata in tutti i paesi del mondo”.

“I Google Glass lasciano prevedere grandi pericoli per la vita privata. Chiunque  finisse nel raggio visivo di chi indossa questi occhiali potrebbe, a quanto è dato sapere, venire fotografato, filmato, riconosciuto e, una volta avuto accesso ai suoi dati sparsi sul web, individuato nei suoi gusti, nelle sue opinioni, nelle sue scelte di vita”, ha scritto Soro.

“La sua vita gli verrebbe in qualche modo sottratta per finire nelle micro memorie degli occhiali o rilanciata in rete. Ci sono già norme che vietano la messa online di dati personali senza il consenso degli interessati. Ma di fronte a questi strumenti le leggi non bastano: serve un salto di consapevolezza da parte di fornitori di servizi Internet, degli sviluppatori di software e degli utenti. È indispensabile ormai riuscire a promuovere a livello globale un uso etico delle nuove tecnologie”.

Share

Altro in questa categoria: « Fare i Backup non serve a nulla Hacker »

Lascia un commento

I campi con * sono obbligatori
Codice HTML non è permesso.
* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra Privacy Policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.