Promo

Con l'iPad Air 2 diremo addio alle Sim Card

  20 Ottobre 2014
Vota questo articolo
(4 Voti)

Pochi giorni fa come tutti bene sapete Apple ha presentato il suo nuovo tablet l' iPad Air 2 sempre più sottile e pieno di novità.Tra tutte le novità presentate ,come il nuovo sistema di pagamento Apple Pay, il  display antiriflesso e tanti altri,è balzato all'attenzione, seppur tenuto in disparte,ne Tim Cock e ne altri ne hanno parlato sul palco,il fatto che il nuovo iPad Air 2 è dotato di una Sim card programmabile.

Tutto ciò si traduce nella possibilità di poter cambiare operatore telefonico semplicemente impostando i parametri tramite il nostro tablet ,cosi facendo sulla sim vengono caricati tutti i parametri dell'operatore telefonico.Anche se tutto ciò è possibile,almeno per il momento solo in America e regno Unito,infatti la notizia è stata appresa dall'Apple Store americano.

Apple Sim
Apple Sim.

La Apple Sim da la flessibilità di scegliere  tra tutte le offerte dei piani tariffari  degli operatori in Usa e Regno Unito direttamente dall’iPad.In questo modo ogni volta che se ne ha bisogno si potrà scegliere il piano più adatto, senza impegni a lungo termine, e in viaggio si potrà anche scegliere un piano dati da un operatore locale per la durata del viaggio.

Tutto questo porterebbe ad un più rapido cambio di operatore evitando le lunghe attesse se gli utenti statunitensi decidessero di passare da un operatore all'altro tra quelli che hanno aderito all'idea.Attualmente quellii che hanno aderito sono AT&T ,Sprint e T-Mobile negli Usa ai quali va aggiunto EE nel Regno Unito.

Un altro dei possibili vantaggi di tale progetto è quello di eliminare i fastidiosi costi di roaming di quando ci rechiamo all'estero.Infatti grazie alla Apple Sim possiamo aderire alle offerte degli operatori locali evitando cosi tariffe elevate.Grazie alla Apple Sim si potrebbero eliminare le Sim card infatti basterebbe quella della Apple per contenere i dati di tutti gli operatori.Steve Job ,gia anni fa brevetto il progetto di una Sim virtuale che permettesse di eliminare lo slot per l'inserimento delle sim dagli smartphone.

Oltre ad essere una comodità per gli utenti,grazie anche gli operatori ne trarrebbero vantaggi come non dover affrontare i costi di produzione e distruzione delle sim card e non dovrebbero più rincorrere i vari formati che vengono richiesti dai vari costruttori di smartphone.

Al momento non si sa il progetto verrà esteso anche agli iphone e se tanto meno ad altri operatori telefonici.Forse Apple vorrà tastare  il terreno ,prima di investire in questa cosa che porterebbe una cambiamento radicale nel mondo del mobile.

 

Lascia un commento

I campi con * sono obbligatori
Codice HTML non è permesso.
* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra Privacy Policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.

Articoli in Evidenza

  • Samsung Galaxy S10 scheda tecnica
    Samsung Galaxy S10 scheda tecnica Samsung ha presentato il Galaxy S10, per festeggiare i dieci anni della serie Galaxy S, tra successi e qualche piccolo fallimento con S10 l’azienda sudcoreana ha deciso di inaugurare una…
  • Lovepedia il sito d' incontri completamente gratis
    Lovepedia il sito d' incontri completamente gratis Lovepedia è il primo sito d' incontri online 100% gratis, che offre tanti servizi per conoscere e incontrare persone con i tuoi stessi interessi.
  • I criteri di sicurezza del gioco online
    I criteri di sicurezza del gioco online Come riconoscere un sito sicuro di giochi online. Quali sono i criteri di sicurezza del gioco online da sapere prima di iniziare a usare un sito di gambling?  Per evitare…
  • Cos'è il trading online
    Cos'è il trading online Trading online di cosa si tratta? Il trading online se ne sente parlare ormai da anni da quando internet è ormai entrato in tutte le casa ma non tutti sanno…

Pubblicità

ads

Annunci

Ultimi commenti

Pubblicità

Seguici su Facebook

Pubblicità

Da Amazon

Dal blog

Hacks