Lunedì, 23 Ottobre 2017 12:26

Come Windows 10 blocca uso della cheat

Scritto da
Vota questo articolo
(8 Voti)
TruePlay TruePlay Windows 10

Il nuovo Aggiornamento Fall Creators Update per Windows 10 aggiunge TruePlay, un nuovo sistema per bloccare lì uso di cheat mentre si gioca.

 

Microsoft ha reso disponibile per Windows 10 il  nuovo aggiornamento Fall Creators Update che tra le novità introdotte c’è ne uno che farà piacere al molti gamer. TruePlay è un nuovo sistema che si andrà ad aggiungere a Windows 10 che bloccherà l’ uso di trucchi nei videogiochi.

Il nuovo strumento è destinato agli sviluppatori che vogliono implementare nei propri videogiochi un valido anti-cheat. Se TruePlay è attivo, il programma riduce le modifiche non autorizzate.Come già accade per  VAC di Steam, per evitare falsi positivi, le informazioni relative all'utente sono trasmesse agli sviluppatori solo quando vi è la certezza che è stato usato un cheat.

Gli sviluppatori dei videogiochi hanno comunque la massima libertà e discrezione sull'uso di TruePlay. Se l'anti-cheat non è richiesto in particolari momenti della partita, può essere facilmente disattivato e, se l'utente non ha dato il proprio consenso, si può anche far comparire una finestra di dialogo in cui richiederne l'attivazione senza dover chiudere l'applicazione.

Se il giocatore non accetta di usare TruePlay, nessuna informazione personale è trasferita. È però possibile che in questo caso gli sviluppatori possano decidere di limitare l'accesso alle funzionalità online del gioco o che posano anche dividere i giocatori fra chi è protetto dall'anti-cheat e chi no.

La nuova funzione di Microsoft è intenta per limitare il comportamento dei cosi furbetti, ma al momento funziona solo con le applicazioni Universal Windows Platform, in altre parole con i giochi disponibili sul Windows Store. Al momento, quindi, sembra che non sia possibile utilizzarla sui giochi acquistati su piattaforme diverse dallo Store di Microsoft. In futuro non è detto che sia ampliato l’ utilizzo anche a questi ultimi.

Letto 2411 volte

Share

Lascia un commento

I campi con * sono obbligatori
Codice HTML non è permesso.
* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra Privacy Policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.