Sabato, 26 Gennaio 2013 01:00

I Pirati dei Caraibi sfidano gli Usa

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antigua Antigua

Il governo di Antigua vuole aprire un sito per vendere film e musica, senza pagare un centesimo ai proprietari dei diritti. Può farlo legalmente grazie a un’autorizzazione speciale delWTO.Il piccolo paese caraibico ha deciso di sfidare apertamente alcune delle lobby più potenti del mondo, e le aziende che rappresentano, con una mossa che ha tutto il sapore della vendetta;

ma con giustificazioni legali.Gli  Stati Uniti hanno una legislazione molto rigida sul gioco d’azzardo online, che ha spinto Washington a bloccare l’accesso a molti siti specializzati originari proprio dell’isola. La conseguenza è che “ciò che era un industria multimiliardaria, che occupava quasi il 5% della popolazione, si è ridotto praticamente a zero”, come ha spiegato Carl Roberts, Alto Commisario di Antigua a Londra.

la prima risposta di Antigua all’embargo di Washington fu infatti un ricorsopresso l’Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO). Quest’ultimo riconobbe le ragioni di Antigua e Barbuda, affermando che la posizione degli Stati Uniti viola le regole del libero commercio.Washington non hai mai rispettato la decisione della WTO. Così nel  l’Organizzazione ha riconosciuto ad Antigua e Barbuda (questo il nome completo dello Stato) “il diritto di sospendere i diritto di autore USA fino a 21 milioni di dollari l’anno”.

A quanto pare  Antigua sarà uno stato che ha il permesso legale di vendere film illegali.Manca solo la notifica ufficiale al WTO, che tuttavia è già stata bloccata una volta proprio dai rappresentanti degli Stati Uniti. Potrebbe anche darsi che si trovi un accordo, ma comunque vada l’avvocato di Antigua Mark Mendel ci tiene a specificare che in questo caso non si può parlare di pirateria, perché l’Organizzazione Mondiale del Commercio ha dato il permesso.

Letto 1683 volte

Share

Lascia un commento

I campi con * sono obbligatori
Codice HTML non è permesso.
* Raccogliamo il tuo nome, la tua email e il contenuto del messaggio per tracciare i commenti postati sul nostro sito. Per informazioni controlla la nostra Privacy Policy. Per commentare ci dai il tuo consenso ad acquisire la tua mail. Per rimuoverla, fai richiesta.